Categoria: Violenza di genere

Giornata Internazionale Contro la violenza sulle donne alla Camera. Noi c’eravamo.

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la Presidente della Camera Laura Boldini ha aperto le porte dell’Aula di Montecitorio alle donne per l’iniziativa #InQuantoDonna.

Donne vittime e testimoni della violenza maschile perpetrata su di loro e/o su loro familiari, ma anche donne dei centri antiviolenza, delle associazioni, dei sindacati, nonché professione del settore (statistiche, poliziotte, magistrate), hanno dato voce alle loro storie toccando i diversi temi che ruotano attorno violenza di genere.

A questo evento storico, dalla portata simbolica estremamente importante, anche noi, grazie all’UDI,  abbiamo avuto il privilegio e l’onore di partecipare.

Le testimonianze narrate alla Camera, come anche la cronaca quotidiana ed il nostro stesso lavoro quotidiano ci ricordano che c’è ancora molto da fare sul piano socio-culturale e normativo per eliminare il problema, ma questa esperienza ci ha ricordato, ancora una volta, che la condivisione di esperienze e di pratiche è la chiave per affrontarlo e contrastarlo nel migliore dei modi.

Per guardare il video integrale dell’iniziativa, clicca qui

L’avv. Stefania Guglielmi e l’avv. Giulia Potenza alla Camera dei Deputati in occasione dell’iniziativa #InQuantoDonna
Avv. Stefania Guglielmi, Liviana Zagagnoni, responsabile provinciale dell’UDI Ferrara e avv. Giulia Potenza

 

La Presidente della Camera Laura Boldrini in occasione dell’iniziativa #inquantodonna
L’avv. Stefania Guglielmi, l’avv. Giulia Potenza e la Dott.ssa Serena Bondi alla Camera dei Deputati in occasione dell’iniziativa #inquantodonna

Violenza di genere: La CEDU condanna l’Italia.

Con sentenza 02/03/2017 n° 41237/14 la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, per la prima volta nella storia, ha condannato l’Italia per non aver tutelato tempestivamente una donna e suo figlio dalla violenza del marito; una violenza che ha raggiunto il suo culmine con l’omicidio del figlio ed il tentato omicidio della moglie. In particolare, la Corte ha stabilito chenon agendo prontamente in seguito a una denuncia di violenza domestica fatta dalla donna, le autorità italiane hanno privato la denuncia di qualsiasi effetto creando una situazione di impunità che ha contribuito al ripetersi di atti di violenza, che in fine hanno condotto al tentato omicidio della ricorrente e alla morte di suo figlio”.

Le ragioni della condanna risiedono, in particolare, nella violazione degli articoli 2 (Diritto alla Vita), 3 (Divieto di trattamenti inumani o degradanti) e 14 (Divieto di discriminazione) della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

Continue reading “Violenza di genere: La CEDU condanna l’Italia.”